Cerca
  • rossi susanna

Freddie Mercury the real life : day 2

Ieri mattina mi sono svegliata ancora molto provata dalla cena svoltasi da Shezan. Peter non sapeva ci fosse anche Richard Young ( uno dei suoi più cari amici oltre che il fotografo ufficiale di Mercury). Richard è un uomo molto profondo e ha catturato la mia attenzione tutta la sera parlandomi soprattutto dei loro legami di amicizia e raccontandomi aneddoti molto personali sulla famiglia Bulsara in particolare sul papà di Freddie. Ieri mattina ero particolarmente emozionata, carica di entusiasmo e di curiosità perchè avremmo raggiunto Richard nella sua galleria dove come da accordi lui avrebbe scelto per me una foto di Freddie che per lui era importante e l'avrei acquistata. Prima tappa però, la casa di Rupert Cavendish designer che arredò le sue case e che ha anche collaborato alla realizzazione di Bohemian Rhapsody the movie: non avrei mai potuto tornare in Italia senza conoscere aneddoti divertenti sul gusto decisamente HIGH PROFILE di Mercury. Ho scoperto che Cavendish è anche il designer di Elthon John e tra i due cantanti nasceva sempre una sorta di competizione per avere il pezzo più bello o quello più prestigioso. Quanto spendevano? Non importa ... l'importante è aver scoperto quanto Freddie amasse tutto quello che era pregiato perchè amava l'arte e la bellezza in ogni sua forma. Dopo il colloquio con lui ho avuto ancor più la sensazione di quanto fosse diverso Mercury la superstar da Freddie l'uomo . Gli chiesero di fotografare Garden Lodge per poter mettere le immagini degli interni su una rivista d'arredamento ma lui rifiutò. La sua casa era un affare troppo privato , la sua casa era il rifugio di Freddie mentre il palco era la vetrina di Mercury. Bisognava tenerli separati!

Freddie acquistò la sua prima casa dopo il 1975, contemporaneamente ne acquistò una anche a Mary, sul lato opposto della strada; nel 1980 poi acquistò Garden Lodge. I lavori di restauro durarono cinque anni e quando fu pronta fu proprio Peter ad entrarci per primo a vivere... Freddie non riusciva a staccarsi dalla prima casa che aveva acquistato con i suoi risparmi aveva un grande valore affettivo. Dopo sei mesi di indecisioni , Peter fece un atto di forza, prese i suoi gatti e li portò a Garden Lodge; da quel giorno anche Freddie divenne finalmente inquilino della magnifica villa al numero 1 Logan Place.

Dopo esserci congedati da Cavendish, siamo andati finalmente da Richard Young , ero emozionata all'idea di scoprire quale foto avesse destinato a me. L'accoglienza sua e di sua moglie è stata squisita, ci hanno subito offerto da bere e poi abbiamo dato il via alla nostra FULL IMMERSION tra i ricordi .

Richard ci ha raccontato che era parte integrante dello show; durante i concerti si muoveva sul palco cercando di non essere invasivo per fotografare Freddie nelle situazioni migliori; le sue foto sono pura poesia perchè immortalano perfettamente LA POTENZA con cui coinvolgeva il pubblico , LA BELLEZZA della superstar e LA SEMPLICITA' / PROFONDITA' dell'uomo. Aveva selezionato tre foto per me ognuna si riferiva ad una " categoria" ad uno degli aspetti della vita Freddie appena citati...

Indovinate quale ho scelto ?!

E' stato bellissimo far visita alla galleria e conoscere qunato più possibile un'altra persona che ha fatto parte della vita di quell' uomo che è diventato leggenda .

Il pomeriggio è passato veloce tra il pranzo al The champion Pub (nella Mercury Lounge ovviamente ) dove sembra che Freddie abbia composto WE ARE THE CHAMPION, una visita alle vecchie case in cui ha vissuto ed un giro di shopping ( che non guasta mai)

Per cena infine siamo stati da Les Caprice; un ristorante amato tanto da Freddie quanto da Lady Diana, George Michael e molti altri! Come è andata la serata ? vi basti pensare che alle 00.30 al tavolo con Peter cantavamo l'opera


P.s. Non ci crederete mai ma anche Peter apprezza molto il giovane tenore Italiano Vittorio Grigolo ( quest'anno giudice di amici con Ricky Martin) ma soprattutto alla mia domanda quale cantante italiano ami lui mi ha risposto intonando le note " Felicità, è un bicchiere di vino con un panino ..." . Davanti alla mia faccia attonita ha risposto " Perchè esistono altri cantanti italiani che hanno fatto la differenza?"

Peter 1 - Musica italiana 0






1,073 visualizzazioni9 commenti