Cerca
  • rossi susanna

Didattica a distanza o Distanza e basta?



Il 2020 penso che lo ricorderò come uno dei peggiori anni dell'intera umanità. Se il covid-19 miete vittime e spaventa un intero pianeta, la distanza interpersonale fa sempre più danni. Dopo il primo lockdown e tre mesi e mezzo di didattica digitale rieccoci a tremare davanti ai DPCM del presidente del consiglio col timore di venire di nuovo ingabbiati.

La paura non è per me , che nel mio micro-mondo ci sto decisamente comoda, ma per i miei figli che hanno passato , passano e passeranno sempre più ore davanti ad un monitor .

La grande lavora, dunque il problema non si pone. Lorenzo ormai 21 anni sta facendo lezioni on line , ma all'università è facile regolarsi e organizzarsi al meglio .

I problemi si presentano con Alessandra, la sedicenne in piena crisi adolescenziale e le gemelle , che hanno tutte le sembianze di due vulcani in eruzione.

Il deserto digitale che i giovani stanno lasciandosi alle spalle è spaventoso, ci lamentiamo che non hanno più rapporti sani tra coetanei, ma a causa del virus li abbiamo relegati nelle loro stanzette con dispositivi che sostituiscono amici, professori e che minano le loro sicurezze e la loro modalità di rapporto reciproco. Per i piccoli tutta questa scuola digitale è nociva e basta; non trovo nulla di positivo se a soli sei/sette anni i bambini sanno collegarsi su classroom . Preferirei vederli con pennelli alla mano a tentare di disegnare il foliage autunnale

Tutto quello che viene fatto in presenza è comunque a debita distanza senza la benevola carezza delle maestre, senza poter vedere un sorriso di approvazione.

Io mi ricordo i primi anni di scuola con estrema gioia; raccoglievo con le amiche, nel cortile dell'istituto, le foglie di mille colori e le usavamo per decorarci il capo; oppure correvamo per mano ridendo a squarciagola fino allo sfinimento.

Loro possono solo stare al banco, sterili e mascherati , condividendo il minimo che a loro pare già il massimo; sono completamente ignari di quello che si stanno perdendo!

Stasera ci sarà un nuovo DPCM rischiamo un nuovo Lockdown ed una nuova didattica a distanza che più che altro è distanza e basta: distanza dalla normalità , dalla condivisione dalla gioia di dire " mamma oggi abbiamo giocato un sacco!"




30 visualizzazioni0 commenti